Altre iniziative

Ben conscia che il tema della gestione dei rifiuti è, sotto diversi aspetti, di grande attualità e che risultati significativi in termini di miglioramento ed aumento della raccolta differenziata potranno essere raggiunti solo con il coinvolgimento attivo di tutta la popolazione, residente e non, l'Unité des Communes valdôtaines Mont-Cervin ha già promosso, e continuerà a promuovere, interventi di sensibilizzazione ad ampio raggio per informare ed interessare varie fasce della popolazione al tema della gestione sostenibile dei rifiuti.

In prima battuta l'Unité des Communes si è occupata della realizzazione e della distribuzione, a tutta la popolazione residente e ai proprietari delle seconde case, di pratici opuscoli informativi sulla corretta differenziazione dei rifiuti, al fine di individuare la corretta destinazione per ogni tipologia di materiale de smaltire.
Successivamente, è stata avviata una campagna per promuovere la pratica del compostaggio domestico su tutto il territorio dell'Unité des Communes mediante corsi gratuiti ai cui partecipanti sarà assegnato gratuitamente un "composter" in plastica riciclata. La pratica del compostaggio domestico è di per sé molto antica e accresce il senso di responsabilità verso la produzione e la gestione dei "propri" rifiuti, in controtendenza con lo stile di vita attuale secondo cui il rifiuto è semplicemente qualcosa di cui disfarsi al più presto, senza rendersi spesso conto che ogni sacchetto di immondizia prodotto, una volta raccolto e trasportato non scompare ma si accumula nelle discariche, insieme ad altre migliaia di tonnellate di materiale che il suolo potrà assimilare solo dopo migliaia di anni. La pratica dell'autocompostaggio permetterebbe invece di ridurre notevolmente (almeno del 20%) il quantitativo di rifiuto indifferenziato conferito presso la discarica di Brissogne, che, come ben sappiamo, è ormai prossima all'esaurimento.

Nei prossimi anni, convinti che il primo passo per ridurre l'impatto dei rifiuti nel nostro futuro sia l'imminente e drastica riduzione della loro produzione, verranno nuovamente coinvolte le scuole, i turisti, le attività ricettive con campagne di sensibilizzazione incentrate sulla riduzione degli imballaggi, gli acquisti consapevoli, l'acquisto di prodotti alla spina, i last minute markets.
Il costo a carico del cittadino per la raccolta dei rifiuti è destinato ad aumentare nei prossimi anni a causa dei maggiori oneri per la raccolta (aumento del costo del lavoro e del carburante da autotrazione) e dell'imposizione di legge che obbliga gli enti locali a ribaltare sui fruitori del servizio l'intero costo sostenuto e dal 2014 anche gli investimenti relativi (realizzazione discariche, centri conferimento, ecc).

Potendo variare solo in maniera minimale il costo del trasporto, l'unica possibilità per contenere l'aumento delle tariffe entro limiti accettabili è limitare il costo di smaltimento: il costo imputabile alla discarica coinvolge solo i rifiuti indifferenziati, poiché viceversa i consorzi che riciclano le materie pagano una quota a tonnellata per i rifiuti recuperabili, permettendo così di abbattere il costo complessivo.

Anche le eventuali sanzioni per il mancato raggiungimento delle percentuali previste dalla normativa saranno ribaltate sulla tariffa dei singoli cittadini.

Differenziare bene i rifiuti non è solo un obbligo di legge, ma anche una tutela del proprio bilancio familiare: per ogni tipo di rifiuto c'è un apposito cassonetto, ma non buttiamo i soldi nell'immondizia!

 
Unité des Communes Valdôtaines Mont-Cervin
Via Martiri della Libertà, 3
11024 Châtillon (AO)
Tel. +39 0166.569711
pec: protocollo@pec.cm-montecervino.vda.it